27 agosto 2014 | Violazione dei diritti fondamentali di Dominique Giroud

Comunicato stampa

Il Comitato direttivo del Gran Consiglio del Vallese (Cogest) è stato autorizzato dal Consiglio di Stato a consultare l'intero fascicolo fiscale di Dominique. Giroud. Questa autorizzazione è stata data in violazione dei principi e delle regole procedurali di uno Stato di diritto. Per garantire il rispetto dei suoi diritti costituzionali, Dominique Giroud è stato costretto a presentare un ricorso per diniego di giustizia. Lo scopo ultimo di questa azione è quello di impedire che il rapporto Cogest, che sarà pubblicato a breve, violi la sua privacy divulgando informazioni riservate sui suoi affari fiscali.

Il segreto fiscale è un diritto fondamentale di tutti i cittadini. Lo Stato può revocarlo solo con il consenso del contribuente o, se questi si oppone, sulla base di una decisione formale che rispetti il diritto del contribuente ad essere ascoltato e che indichi i motivi per cui la misura è necessaria e in quale misura. Risulta che il Consiglio di Stato del Vallese ha messo a disposizione dei membri della Cogest l'intero fascicolo fiscale di Dominique Giroud e Giroud Vins SA senza rispettare le garanzie procedurali a cui Dominique Giroud, come qualsiasi altro cittadino, aveva diritto. Quando le sue rimostranze al Consiglio di Stato non hanno avuto successo, è stato costretto a presentare un ricorso per diniego di giustizia al Tribunale cantonale del Vallese il 26 agosto 2014.

Con questa azione, Dominique Giroud spera che il tribunale cantonale costringa finalmente il Consiglio di Stato a fare ciò che finora si è rifiutato di fare, ossia rispettare la procedura prendendo una decisione formale per togliere il segreto sul suo fascicolo fiscale. Come ogni cittadino, Dominique Giroud ha determinati diritti e il fatto che in passato abbia commesso un errore in materia fiscale non significa che ora gli sia permesso di fare qualcosa. Dominique Giroud non chiede altro che il rispetto dei suoi diritti costituzionali.

Il compito della Cogest non è quello di esaminare la sostanza dei dossier di Dominique Giroud, ma di indagare su eventuali disfunzioni nella gestione del caso Giroud da parte dell'amministrazione cantonale. Si tratta di due cose completamente diverse. Alcuni membri della Cogest hanno già consultato l'intero dossier fiscale di Dominique Giroud. Di conseguenza, se non si interviene rapidamente, il rapporto della Cogest, che sarà pubblicato a breve, potrebbe divulgare informazioni riservate sul dossier fiscale di Dominique Giroud, con una violazione irreversibile della sua privacy e dei suoi diritti fondamentali. Per evitare di subire un tale danno, Dominique Giroud chiede ai tribunali di sospendere la pubblicazione del rapporto Cogest fino a quando non sarà emessa una sentenza sul rispetto dei suoi diritti fondamentali.

Dominique Giroud non si oppone al mandato della Cogest o al fatto che la Cogest riceva le informazioni di cui ha bisogno per adempiere al suo mandato di supervisione ad alto livello dell'amministrazione cantonale. Tuttavia, ritiene che sia perfettamente possibile farlo senza che il segreto fiscale a cui ha diritto venga revocato nella sua interezza.

Questo comunicato stampa è accompagnato da un elenco delle domande più frequenti sul motivo per cui Dominique Giroud ha avviato un'azione legale per diniego di giustizia.

Comunicato stampa del 27 agosto 2014

Dominique Giroud

Dominique Giroud

Sto affrontando una tempesta mediatica. Sono stato accusato ingiustamente di aver manomesso i miei vini per fare soldi. I giornalisti hanno esagerato e criticato senza sfumature. Così facendo, hanno infangato e forse rovinato per sempre la mia reputazione di enologo. Di fronte a queste accuse, ho deciso di pubblicare su questo sito la mia versione dei fatti.

Saranno i lettori a giudicare.

Condividi :

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Biscotti

Per migliorare la vostra esperienza sul mio sito, utilizziamo i cookie. Facendo clic sul pulsante sottostante, si acconsente all'uso di questi cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.